Online da Aprile 2006



Metamorfosi. Schegge di violenza nel nuovo cinema giapponese

copertina-libro-novielli-metamorfosi-cinema-giapponese

Il cinema giapponese negli ultimi vent'anni ha raggiunto una popolarità internazionale senza precedenti nella sua storia e i nomi di alcuni cineasti nipponici, tra i quali Tsukamoto Shin'ya, Miike Takashi, Sono Shion e Shimizu Takashi, sono ormai familiari a gran parte dei cinefili occidentali.
Molti film, spesso invitati nei più prestigiosi festival cinematografici, sono oggi visionabili attraverso i tanti canali di internet, oltre che distribuiti in dvd o presentati da varie emittenti televisive.
Il criterio seguito per la selezione dei contenuti e delle opere, qui divisi in quattro grandi ambiti a seconda dei "mostri" che li popolano — horror legato al mondo sovrannaturale, psycho-horror, scienza e tecnologia, B-movies in ambito yakuza ed erotico —, si riferisce alla cinematografia a cui ha accesso il pubblico occidentale; solo alla fine della compilazione di questo testo si è reso evidente che il leitmotiv delle opere trattate è la violenza, quasi sempre legata a un sostrato di solitudine e di incomunicabilità in cui la corsa tecnologica e produttiva, e la successiva crisi economica, ha esiliato molti individui. In quest'ottica, si tratta dunque di temi universali, il che aiuta a comprendere il motivo del successo internazionale di questo cinema. Prefazione di Tsukamoto Shin'ya.

Recensione non ancora inserita


Informazioni

Autore Titolo originale Casa editrice Anno
Novielli Maria Roberta
Metamorfosi. Schegge di violenza nel nuovo cinema giapponese
Epika
Italia, 2010

Commenta